“Una Preghiera” dal Libro “Storie di donne selvagge”

 

“Rifiutati di cadere.

Se non puoi rifiutarti di cadere,

rifiutati di restare a terra.

Se non puoi rifiutarti di restare a terra,

leva il tuo cuore verso il cielo,

e come un accattone affamato,

chiedi che venga riempito,

 e sarà riempito.

Puoi essere spinto giù.

Ti può essere impedito di risollevarti.

Ma nessuno può impedirti

di levare il tuo cuore

verso il cielo –

soltanto tu.

E’ nel pieno della sofferenza

che tanto si fa chiaro.

Colui che dice che nulla di buono

da ciò venne,

ancora non ascolta. ”

Tratto dal libro  “ Storie di donne selvagge ” di Clarissa Pinkola Estès.

 

Questa scelta è perchè nel qui ed ora la mia fede è il cambiamento. E’ una preghiera di rivolta interiore, dedicata alle persone che soffrono per non arrendersi e non CADERE di fronte ad una vita pugnalata, ferita, ridicolizzata, torturata o annullata. Clarissa sostiene che si può lasciar morire quel che deve morire, lasciamo il terreno incolto, l’Eden sta sotto il campo vuoto e nuovi semi possono essere riseminati e daranno vita a molte opportunità per un cambiamento del cuore, una nuova vita, una rinascita. C’ è qualcosa che non può mai morire, è la forza fiduciosa che è nata dentro di noi, ed è più grande di noi, che ci aiuta non a rimettere a posto il mondo intero, perchè non spetta a noi, ma ad adoperarci a cambiare quella parte di mondo che è alla nostra portata: il mondo interno.

Chissà come diventerà il nostro campo… forse domattina, sarà di nuovo un bel bosco!

                                                                                                                                                                                            Un abbraccio a tutti                                        Shirley 

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.