Un nuovo anno da costruire

Carissimi Terremoti,

mercoledì scorso, 28 dicembre l’associazione ha organizzato un incontro dal titolo “Quando Messina non ebbe un domani”, per fare memoria della catastrofe del terremoto del 1908,  attraverso una riflessione artistico-letteraria. E’ stato un momento importante e tutti ci siamo sentiti in qualche modo un po’ più responsabili della sorte culturale della nostra città.  La parola più importante, emersa durante il laboratorio è stata “ricostruzione”, o meglio il desiderio e la necessità di una  ricostruzione.

Ebbene questo è l’augurio più grande che possiamo farci.  Per noi terremoti, ricostruire significa diffondere una nuova passione per una città, nobile per nascita, che è stata sempre ricca di arte e di cultura. Ciascuno di noi possa, nel suo “piccolissimo”,  dedicarsi a questo fine.  Incontrare gli altri, condividere il proprio amore per la letteratura, per l’arte, per tutte le forme di espressione creativa sarà il primo passo.

Lo ha fatto Maria Rosa Biondo, che ci ha voluto donare, alla fine dell’incontro, i suoi versi. Con questi vi auguriamo un anno tutto da creare, costruire, inventare con la grande ricchezza della nostra creatività.

Felici scosse di auguri a tutti!

TIRRIMOTU

TIRRIMOTU! Chi pparola paurusa,

sulu a noiminalla appari già gravusa.

TIRRIMOTU! Senti già u trimulizzu, li scussuna, u scutimentu,

iè la terra che duluranti urla straziata lo so lamentu.

Si voli suggiri, pi cambiari posizioni

E non ci ni nporta ca supra avi li personi.

Iè assurdanti cu dda buci arrocata

Scutulannu ogni cosa, du mari finu alla vallata.

Tuttu fa trimari e fa cadiri,

senza pietà pi nuddu e senza vidiri.

L’omini non hannu chiù valori,

su fummiculi ca restino scacciati comu a preda nta trappola du cacciatori.

Ranni, picciriddi, vecchi, signurineddi,

avvocati, nobili, povirazzi e viddaneddi,

tutti uguali in menzu a ddi ruvini e pa disgrazia sofferenti.

U sannu che oramai sunnu menu di nenti.

E l’occhi ca ristaru, non sanno chiù chi vardari,

se i propri beni nte macerie o i cristiani di salvari.

Non po essiri che tuttu accussì spariu.

Ma chista po esseri a volontà di Diu?

Picchì tanto accanimento pa nostra Missina

Propriu idda ca fu sempre devota a la Madonnina.

– A to matri, sì Signuri beddu

Ca ti purtau nta sta terra bambineddu.-

E o voi sapiri come finiu?

Ca Missinia c’è ancora pirchì risurgiu.

Da li so macerie insanguinati

E di carni e ossa umani mprignati.

Novi piazzi, novi strati e tante novi palazzuni,

Mpuggiati supra i morti che ancora oggi ni fannu trimari u piddizzuni.

Marìa Rosa Biondo

Messina 28 Dicembre 2011


Leave a comment

You must be logged in to post a comment.